News

21 Mar 2018

The European Commission has approved under the EU Merger Regulation the acquisition of Monsanto by Bayer.

As already underlined by our organization in other occasions, the issues related corporate mergers are not just about trade and competition, as Commissioner Vestager would like to make us think, but also and above all political aspects. There is a precise strategy designed to extend corporate control not only on our food but on our democracy Through aggressive mergers, these big companies are expanding their markets and, addressing political decision-makers directly, they are increasing their influence and pressure on governments and institutions. Through propaganda they are also undermining independent science to ensure that health and environmental regulations do not interfere with their profit activities, thus increasingly leading to the erosion of our democratic principles. By expanding their monopolies on seed and food, chemicals and medicines, corporations are increasing their control over our food and our health.

Also read:

No to the mega-merger of Bayer and Monsanto, our rights are at stake

By Ruchi Shroff, Navdanya International - Lifegate, 12 March 2018

Dr Vandana Shiva submits objection to Bayer-Monsanto Merger

Navdanya, 20 january 2018

“Stop BAYER / MONSANTO” days of action in Germany

Cologne, Bonn - 25-29 April 2017

Bayer-Monsanto Merger

By Ruchi Shroff, 16 October 2016


UE approva fusione Bayer-Monsanto non valutando i rischi esposti dai rappresentanti della società civile, dei piccoli e medi produttori e dei consumatori

La Commissione europea ha approvato, ai sensi del regolamento UE sulle concentrazioni, l'acquisizione di Monsanto da parte di Bayer.

La fusione è subordinata alla cessione di un ampio pacchetto di misure correttive, che affronta le sovrapposizioni delle parti in merito a semi, pesticidi e agricoltura digitale. Il disinvestimento di circa 6 miliardi di Euro effettuato da Bayer “risponde in modo esaustivo alle preoccupazioni della Commissione in materia di concorrenza”, come ha affermato la Commissaria per la concorrenza Margrethe Vestager. 

Come già più volte sottolineato dalla nostra organizzazione, le questioni relative alle fusioni delle grandi multinazionali non riguardano solo aspetti commerciali e di competizione come la commissaria Vestager vorrebbe farci intendere, ma anche e soprattutto aspetti politici. Ci troviamo  infatti di fronte a una strategia disegnata per estendere il controllo delle multinazionali non solo sul nostro cibo ma sulla nostra democrazia. Attraverso fusioni aggressive queste grandi aziende stanno espandendo i loro mercati e, rivolgendosi direttamente ai decisori politici, aumentando contestualmente la loro influenza e la pressione su governi e istituzioni. Attraverso la propaganda stanno inoltre screditando la scienza indipendente per garantire che i regolamenti sanitari e ambientali non interferiscano con le loro attività di profitto, portando così sempre più all’erosione dei nostri principi democratici. Espandendo i loro monopoli su sementi e cibo, prodotti chimici e medicinali, le multinazionali stanno aumentando il loro controllo sui nostri alimenti e sulla nostra salute. A ciò si aggiungono altre tattiche come la propaganda, l’acquisizione di dati tramite il digital farming, gli attacchi alla scienza indipendente, la sfida aperta nei confronti delle leggi esistenti a tutela della salute e dell’ambiente, fino a comportamenti criminali come quelli rivelati nei Monsanto Papers. Gli effetti negativi di questo sistema ricadono maggiormente sui piccoli e medi produttori e sui consumatori meno abbienti. 

Le sei grandi aziende multinazionali che detengono il controllo sulla produzione mondiale di sementi, pesticidi e biotecnologie vogliono quindi allargare il loro impero attraverso mega acquisizioni. Se queste fusioni venissero definitivamente approvate, solo tre aziende avrebbero il controllo del 60 per cento delle sementi mondiali e del 70 per cento dei prodotti agrochimici e dei pesticidi. Il consolidamento di posizioni dominanti impedirà l'emergere di modelli agricoli sostenibili che aumentano la concorrenza e creano diversi sistemi di approvvigionamento di semi, produzione agricola e commercio. L’ampliamento del modello agricolo industriale avrà inoltre un grave impatto sull’ambiente, sulla biodiversità e sul cambiamento climatico, a causa della contaminazione del suolo, dell’acqua e dell’atmosfera, pur contribuendo solo ad una minima parte del fabbisogno alimentare mondiale, cui ancora provvedono i piccoli agricoltori. 

Siamo convinti che le soluzioni possibili alle molteplici crisi che stiamo vivendo debbano invece venire dall’adozione di un modello che rispetti la terra e la dignità delle persone. In tutto il mondo piccoli e medi agricoltori stanno già mettendo in pratica un’agricoltura ecologica che  rinnova la fertilità del suolo e la biodiversità e fornisce cibo sano e di qualità alle proprie comunità. Come ha dimostrato il lavoro di Navdanya  nel corso degli ultimi trent’anni, possiamo coltivare abbastanza cibo nutriente per sfamare due volte l’attuale popolazione mondiale far fronte ai problemi legati alla malnutrizione e alle malattie croniche e creare allo stesso tempo un sistema resiliente capace di mitigare i cambiamenti climatici

Continueremo a rivendicare i diritti dei piccoli e medi produttori, che pur venendo schiacciati da questi meccanismi, sono gli unici in grado di garantire una produzione di cibo genuino e di qualità. Inoltre non smetteremo di combattere questo tentativo di presa di potere da parte delle multinazionali, che invece di essere regolate dai nostri rappresentanti eletti dai cittadini, riescono sempre più a vestire i panni dei regolatori, attraverso pesanti azioni di lobby ponendo così una grave minaccia la nostro stesso sistema democratico”.

Leggi anche:

No alla megafusione Bayer-Monsanto, in gioco ci sono i nostri diritti

Di Ruchi Shroff, Navdanya International - Lifegate, 7 marzo 2018


Per magiori informazioni, contattare:

Ufficio stampa Navdanya International

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

tel. 328 6334318 -  329 8622125 


Ulteriori approfondimenti:

La Commissione Antitrust dell’India deve fermare la fusione tra Bayer e Monsanto

Di Vandana Shiva – Mathrubhumi, 12 Febbraio 2018

Multinazionali geneticamente modificate

Di Ruchi Shroff – Sinistra Sindacale, 10 ottobre 2016

Navdanya needs your help to strengthen the movement to protect biodiversity and promote organic farming, to stop farmers' suicides and to help farmers adapt to climate instability. Together we can can build organic solutions to hunger and secure our children's food future. Join us in cultivating future.

DONATE
This website uses cookies. Using this website means you are okay with this but you can find out more and learn how to manage your cookie choices.